Social

Filosofia

L’architettura non ha un linguaggio prestabilito. E’ una risposta ad un problema concreto, qualcosa in continua trasformazione, strettamente legata a fattori geografici, ambientali e culturali; qualcosa che dipende da circostanze economiche e sociali; qualcosa a cui paradossalmente partecipo libero dal tempo; l’emozione di un paesaggio; un dialogo con l’ambiente fisico e culturale; un dialogo con i clienti, con i consulenti, con i fornitori, con gli utilizzatori finali e le loro storie commosse sulle proprie origini e sul proprio lterritorio.

L’unica costante nel mio lavoro è la continua ricerca dell’eccellenza e della qualità nei materiali, nelle tecnologie e geometrie innovative.

Il risultato è un opera che mira all’essenziale e nello stesso tempo è devota al più piccolo dettaglio, un’opera che è diretta alla creazione di luoghi in cui le persone desiderano vivere.


Architecture has not a predetermined style. It is an answer for an actual problem, something that changes all the time, closely related to geographical, local and cultural factors; something that depends on social and financial circumstances; something I paradoxically take part in free from time; the emotion awakened from a landscape; a dialogue with the cultural and physical environment; a dialogue with clients, consultants, contractors, final users and their emotional stories about their own origin and culture. The only constant factor in my work is the search of excellence and quality in the materials, in the innovative technology and geometry. The result is a work that conveys the essential and at that same time that is designed to the last detail; a work which is aimed at the creation of places where people wish to live.